Scuola dell'Infanzia - Offida - Attività e Progetti

SCUOLA DELL’ INFANZIA OFFIDA                                ANNO SCOLASTICO 2014/15                      PROGETTO ANNUALE: EXPLORANDO

a.s. 2013-2014 - "MANGIA BENE E VIVI SANO COME UN PESCE"

I bambini della scuola dell'infanzia di OFFIDA hanno effettuato una particolare esperienza educativa inclusa in un importante percorso formativo con i seguenti obiettivi:
- Conoscere i principi per una sana alimentazione ed acquisire corrette abitudini alimentari.
-  Valorizzare il consumo del pesce azzurro (ricco di Omega 3) pescato nel nostro mare adriatico (filiera corta).
- Condividere con le famiglie comportamenti relativi al consumo responsabile per il "bene - essere e il bene - stare"  avendo cura dello sviluppo sostenibile per le nuove generazioni.

a.s. 2013-2014 - PROGETTO INGLESE INFANZIA - OFFIDA

Si è concluso il "PROGETTO INGLESE INFANZIA OFFIDA" molto importante poiché l'inglese è considerata  lingua veicolare nella continuità Infanzia/primaria.
Tale progetto ha permesso l'acquisizione di primi semplici obiettivi alla base della competenza relativa alla seconda lingua.
Grazie a "Missis Orange" (Ins. Pignotti Nadia), questa esperienza è stata particolarmente coinvolgente.


a.s. 2010-2011 - Infanzia/Primaria 1^tp-1^A tm - Progetto Raccordo - UN BOSCO PER LA CITTA'

L'ACCOGLIENZA

ESPLORIAMO LA SCUOLA DI VIA REPUBBLICA

NOI SIAMO GLI ALBERI

PIANTUMAZIONE DEL NOSTRO BOSCO SULLA LIM

Clicca sulle immagini per vedere gli album fotografici a schermo intero.

PROGETTO "UN BOSCO PER LA CITTÀ"

 

Generalità
L'idea  di  "Un  bosco   per  la  città"  nasce   dal   lavoro   di   Mario   Pianesi,   fondatore   e   Presidente dell'Associazione Nazionale ed Internazionale "Un Punto Macrobiotico".
Mario Pianesi, anche attraverso UPM, da sempre stimola e diffonde una filosofia di rispetto-amore a partire da Aria, Acqua, Terra, Vegetali e tutti gli Esseri Viventi.
Noi viviamo perché respiriamo: ogni persona, per la propria sopravvivenza, ha bisogno di 60 alberi la cui chioma abbia un diametro di almeno 10 metri (OMS 1994).
Scopo dell'iniziativa è quella di contribuire ad educare le giovani generazioni all'importanza dell'aria e del bosco quale riserva di ossigeno, elemento indispensabile alla sopravvivenza delle specie ed in particolare dell'uomo, oltre ad offrire, attraverso un'azione pratica di rimboschimento, la possibilità di fruire di un piccolo bosco all'interno del Comune di pertinenza. 
Nell'ipotesi più auspicabile, dovranno prevedersi programmi pluriennali, che non si limitino alla mera realizzazione di un boschetto, ma che prevedano stabili attività formative e di studio.

 

Enti ed organismi coinvolti
L'iniziativa coinvolge, oltre all'Associazione promotrice, Scuole ed Enti Pubblici in coordinamento tran loro, secondo le proprie specifiche competenze.
La Regione Marche, attraverso il corpo forestale o le agenzie a ciò preposte, rende disponibili le piante da destinare al progetto, anche in virtù degli obblighi di cui alla Legge 29 gennaio 1992, n. 113.
Il Corpo Forestale dello Stato rende disponibili le proprie competenze in materia, attraverso assistenza e consulenza che sarà svolta dal più vicino presidio.
I Comuni interessati renderanno disponibile un'area idonea alla realizzazione del bosco, assistenza tecnica per la predisposizione di un progetto, manutenzione e la pulizia del bosco stesso, in coordinamento con le Scuole ed il Corpo Forestale dello Stato. L'impianto del bosco andrà a ricoprire, per una sua parte, gli
obblighi da parte del Comune di residenza di cui all'art. 1 della citata L. 113/92.
Le Scuole interessate, coordinate con i Comuni di appartenenza, svolgeranno idoneo programma di sensibilizzazione presso genitori ed alunni al fine di poter dare un più ampio senso alla mera attività di rimboschimento ed organizzeranno una o più giornate durante le quali gli alunni si dedicheranno, con
l'ausilio di esperti, alla effettiva piantumazione del bosco, come evento conclusivo del progetto. L'Associazione Nazionale e Internazionale «Un Punto Macrobiotico» è disponibile a concordare con le Scuole ed i Comuni interessati, un'eventuale programma di approfondimento sulle tematiche ambientali ed agroalimentari.


Attività nelle- Scuole
Circoli Didattici e le singole scuole organizzano un'attività di educazione ambientale, che può. su richiesta, essere svolta da esperti individuati dall'Associazione "Un Punto Macrobiolico". anche in Collaborazione con l'Università degli Studi di Firenze, al fine di sensibilizzare gli alunni alle questioni. con il coinvolgimento degli insegnanti e dei genitori.
Una volta individuata l'area ed approvato il progetto (di cui gli alunni seguiranno tutto l'iter), sarà organizzata una giornata (o anche più giornate) dove gli stessi studenti contribuiranno alla messa a dimora delle piante del bosco.
Negli anni successivi, oltre a ripetere l'esperienza, potranno essere organizzate giornate dedicate alla cura e alla manutenzione del bosco.


Ruolo delle Amministrazioni Pubbliche
Le Amministrazioni pubbliche coinvolte hanno occasione di effettuare un'azione tangibile e concreta a favore dell'ambiente e dell'educazione dei giovani al rispetto dell'ambiente ed alla conoscenza delle piante autoctone del loro territorio.
L'adesione al progetto potrà essere occasione di rispettare e far rispettare gli adempimenti relativi alla Legge 113/92, sull'impianto di un albero per ogni nuovo nato.
La Regione, oltre a patrocinare l'iniziativa ed auspicabilmente a coinvolgersi direttamente nella sua realizzazione, attraverso gli organismi competenti, stimola il Corpo Forestale dello Stato o l'Agenzia regionale delegata alle foreste per la messa a disposizione delle piante da mettere a dimora.
La Provincia potrà prevedere un coordinamento  dei  boschi  per la città, contribuendo  alla parte organizzativa ed operativa con proprio personale ed eventualmente individuando tenitori provinciali da destinare al progetto.
I Comuni saranno coinvolti direttamente, individuando, all'interno del tenitori o (preferibilmente urbano) un'area di adeguate dimensioni che possa essere sede dell'impianto del bosco e gestendo l'operazione, in coordinamento con Provincia e Regione e con i Circoli Didattici aderenti all'iniziativa.


Associazione Un Punto Macrobiotico
L'Associazione UPM stimola e coordina l'iniziativa. L'Associazione UPM ha già predisposto: proposta di programma per l'educazione ambientale nelle scuole;
progetto-quadro per la realizzazione del bosco, con l'indicazione delle modalità di realizzazione e un riferimento per le specie arboree, da adattare alle specifiche realtà.
In ogni fase della realizzazione del progetto, ed in collaborazione e coordinamento con le autorità locali e con le scuole, l'Associazione UPM è disponibile a qualsiasi forma di collaborazione, ivi compresa la disponibilità di personale docente per le scuole sui temi concernenti ambiente e territorio, in collaborazione con l'Università degli Studi di Firenze. 

 

"Corriere Adriatico" - 8 marzo 2011
"Corriere Adriatico" - 8 marzo 2011

Clicca sull'immagine per vedere l'album fotografico a schermo intero.

Clicca sull'immagine per vedere l'album fotografico a schermo intero.

CONCORSO PROGETTO "IL POLIZIOTTO UN AMICO IN PIU'" - a.s. 2009-2010

L'elaborato prodotto dalla Scuola dell'Infanzia è risultato vincitore nella categoria "Arti figurative e tecniche varie"

Clicca sull'immagine per vedere l'album fotografico a schermo intero.

CONCLUSIONE DEL CICLO Sez.A (a.s. 2009-2010)

A conclusione del ciclo della scuola dell'infanzia, i bambini della sezione A , insieme ai loro genitori e alla maestra Patrizia Masssicci si sono ritrovati domenica 27 Giugno sul pianoro di Colle San Marco. E' stato un momento di aggregazione all'insegna del fresco, del divertimento, dello sport e non ultimo....delle grigliate. Tutti i genitori hanno collaborato per la riuscita della giornata, ma grande merito va dato alla rappresentante di classe Giancarla Damiani.

Clicca sull'immagine per vedere l'album fotografico a schermo intero.

NATALE 2009

Clicca sull'immagine per vedere l'album fotografico a schermo intero.